Gilberto Zorio

  • opere
  • lavoro
  • biografia
  • bibliografia
  • mostre
    • Macchia III

      Macchia III

      1968

      gomma nera, corda

      gomma, 120 x 126 x 7 cm; corda, dimensioni variabili

      Collezione Margherita Stein

      Proprietà Fondazione CRT Progetto Arte Moderna e Contemporanea, 2001

      Deposito permanente

      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Torino

      GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino

    • Tenda

      Tenda

      1967

      tubi innocenti, morsetti, tela in cotone verde, acqua di mare

      170 x 131 x 125 cm

      Collezione Margherita Stein

      Proprietà Fondazione CRT Progetto Arte Moderna e Contemporanea, 2001

      Deposito permanente

      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Torino

      GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino

    • Barca nuragica

      Barca nuragica

      2000

      giunchi intrecciati, compressore, alluminio, lampada, sonoro

      450 x 600 x 640 cm

      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, 2001

    • Colonna

      Colonna

      1967

      tubo in Eternit, camera d’aria

      h 300 x Ø 30 cm

      Collezione Margherita Stein

      Proprietà Fondazione CRT Progetto Arte Moderna e Contemporanea, 2001

      Deposito permanente

      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Torino

      GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino

  • Le opere di Gilberto Zorio sono campi inesauribili di energia fisica e mentale. Tra i protagonisti del gruppo dell’Arte Povera, dal 1966 ha indirizzato la propria ricerca in direzione di una processualità che rende continuamente mutevole ciascuna opera. Predisponendo reazioni chimiche o fisiche, l’artista immette i propri lavori all’interno di un ciclo vitale, di fronte al quale egli per primo si pone come spettatore. Il tempo è spesso un’importante componente, in quanto solo il naturale trascorrere delle ore e dei giorni rende pienamente tangibile il dispiegarsi delle trasformazioni a cui le opere sono soggette.
    L’evaporazione di acqua marina, e la conseguente traccia nella forma di cristalli di sale, delineano in Tenda, 1967, la dinamica di un paesaggio naturale. Il lago salato che si forma all’altezza degli occhi degli spettatori corrisponde alla dimensione antropocentrica che Zorio esalta nelle sue opere. Anche i tubolari metallici sui quali è poggiato il telo sono stati pensati dall’artista secondo una dimensione umana e la loro funzione viene paragonata a quella delle vene e dell’ossatura.
    Zorio ha rinnovato il linguaggio della scultura liberandola dalla fissità e dalla pesantezza a cui è tradizionalmente associata. In Colonna, 1967, un pesante conduttore in Eternit è poggiato su una camera d’aria, quasi si trattasse di una colonna rovesciata. Il conduttore rimane quindi in una situazione di equilibrio precario; a sua volta, a causa del peso dello stesso elemento, la camera d’aria diventa durissima e la gomma perde di duttilità. La giustapposizione dei due materiali intacca l’apparente natura di ciascuno di essi, proponendo un’immagine architettonica di elevazione.
    L’idea di ascesa è anche presente in Macchia III, 1968. «Quanto mi ha sempre interessato – nota a questo proposito l’artista – è stato il tentativo di sollevare la scultura, di sospenderla e collocarla in aria, al fine di occupare tutto lo spazio, compreso l’orizzonte aereo». L’opera è realizzata spargendo a terra, in cerchi concentrici, gomma liquida. Successivamente, la gomma viene sospesa nello spazio mediante corde la cui tensione non è mai definitiva. L’innalzamento della scultura corrisponde alla capacità dell’artista di rendere tangibile l’appartenenza dell’opera allo spazio dell’immaginazione, rinnovando continuamente la meraviglia di un incontro inaspettato.
    La dimensione narrativa è spesso presente nelle sue opere, nella forma di un raccontare fantastico che attraversa il tempo e lo spazio. In questo senso, compaiono nei lavori elementi come crogiuoli, giavellotti, otri e soprattutto canoe, assunti quali ideali strumenti di viaggio. Barca nuragica, 2000, è una sezione di canoa in giunchi intrecciati, presentata quale vettore che ha attraversato la storia e diverse civiltà. Dinamicamente triangolare, l’opera effettua movimenti che sembrano preludere a un nuovo viaggio. Sollevata nello spazio, essa è anche liberata dal silenzio e restituita alla vita grazie al sibilo emesso dall’aria compressa che ne provoca il movimento.

    [M.B.]

    • Arte Povera International

      Arte Povera International

      a cura di Germano Celant e Beatrice Merz A partire da sabato 8 ottobre 2011 il Castello di Rivoli presenta il proprio contributo all’ambizioso progetto curatoriale di Germano Celant Arte povera 2011. La sezione al Castello di Rivoli, Arte Povera International, è…

    • Tutto è connesso. Ricerche e approfondimenti nell’arte dell’ultimo decennio attraverso la collezione

      Tutto è connesso. Ricerche e approfondimenti nell’arte dell’ultimo decennio attraverso la collezione

      a cura di Beatrice Merz La rassegna tutto è connesso viene presentata nei tre piani del Castello. Al primo e secondo piano sono esposte le nuove acquisizioni, per la prima volta esposte al pubblico e le grande installazioni realizzate espressamente…

    • Dalla terra alla luna: metafore di viaggio (parte I)

      Dalla terra alla luna: metafore di viaggio (parte I)

      a cura di Marcella Beccaria 4 aprile – 26 agosto 2007   Mario Airò, Giovanni Anselmo, Massimo Bartolini, Gabriele Basilico, Lothar Baumgarten, Alighiero Boetti, Jem Cohen, Enzo Cucchi, Roberto Cuoghi, Gino De Dominicis, Thomas Demand, Mario Giacomelli, Rebecca Horn, Roni…

    • Arte Povera in collezione

      Arte Povera in collezione

      A cura di Ida Gianelli, Marcella Beccaria, Giorgio Verzotti   L’Arte Povera, sviluppatasi nella seconda metà degli anni Sessanta contemporaneamente ad analoghe tendenze internazionali come l’Arte Processuale e l’Arte Concettuale, ha proposto un’operatività artistica che, mettendo in relazione i vari…

    • Collezionismo a Torino

      Collezionismo a Torino

      A cura di Ida Gianelli   La mostra attesta l’importanza rivestita in Italia dal collezionismo privato, a volte più avveduto e puntuale di quello pubblico, nella scoperta di sempre nuovi contributi all’evoluzione della storia dell’arte contemporanea. Viene presentata al pubblico…

    • L’orizzonte

      L’orizzonte

      A cura di Rudi Fuchs, Ida Gianelli   La collezione permanente per un museo è ciò che ne definisce e qualifica l’identità e costituisce un patrimonio fruibile dalla collettività verso un orientamento nella conoscenza dell’arte e delle direzioni che essa…

    • Un’avventura internazionale. Torino e le arti 1950-1970

      Un’avventura internazionale. Torino e le arti 1950-1970

      A cura di Germano Celant, Paolo Fossati, Ida Gianelli   La mostra intende mettere in rilievo il ruolo propulsivo che la città di Torino ha svolto tra il 1950 e il 1970, non solo nell’ambito delle arti visive, ma in…

    • Ouverture II

      Ouverture II

      A cura di Rudi Fuchs, Johannes Gachnang   Riproponendo il titolo già dato alla mostra inaugurale, il Castello di Rivoli con “Ouverture II” presenta al pubblico un allestimento che intende approfondire i concetti inizialmente espressi con la prima “Ouverture”. Si…

    • Ouverture

      Ouverture

      La prima mostra del Castello di Rivoli è ideata come modello per una collezione, tesa a focalizzare momenti salienti dell’arte contemporanea. Evitando alcun tipo di gerarchia, ma puntando invece sull’idea di un dialogo a più voci, la selezione include solo…