Allora & Calzadilla

  • opere
  • lavoro
  • biografia
  • bibliografia
  • mostre
    • Stop, Repair, Prepare: Variations on Ode to Joy for a Prepared Piano

      Stop, Repair, Prepare: Variations on Ode to Joy for a Prepared Piano

      Stop, Repair, Prepare: Variations on Ode to Joy for a Prepared Piano (Fermati, ripara, prepara: variazioni all’Inno alla Gioia per un pianoforte modificato), 2008 pianoforte Bechstein modificato, pianista pianoforte, 205 cm di lunghezza Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, 2011 in comodato presso Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Torino

  • Jennifer Allora e Guillermo Calzadilla collaborano insieme da diversi anni. Il loro lavoro utilizza una vasta gamma di mezzi espressivi, dall’installazione alla scultura, dalla musica alla performance. Attenti al rapporto tra l’opera d’arte in quanto oggetto e il suo significato, gli artisti cercano un coinvolgimento attivo da parte dello spettatore, inducendolo a riflettere su temi quali l’ecologia, la democrazia, la comunicazione.
    Stop, Repair, Prepare: Variations on Ode to Joy for a Prepared Piano riunisce diversi di questi elementi. La performance nasce nel 2008 quando gli artisti, invitati a pensare a un progetto per la Haus der Kust di Monaco, scoprono che durante l’inaugurazione dello stesso edificio, simbolo della propaganda nazista del Terzo Reich, era stata suonata l’Ode alla gioia, 4 movimento della IX Sinfonia di Ludwig van Beethoven. Riflettendo sul contrasto tra la vicenda storica e il fatto che la sinfonia è stata scelta come inno della Comunità Europea, hanno chiesto ad alcuni pianisti di suonare la sinfonia nell’arrangiamento di Franz Listz utilizzando un pianoforte Bechstein parzialmente modificato e posto su ruote. Il pianoforte, che presenta al posto di alcune corde un buco all’interno del quale si posizionano i pianisti, diventa in questo modo un oggetto “diverso”, mentre i pianisti, costretti a suonare al contrario, in movimento e in mancanza di alcune corde, sono obbligati a confrontarsi con delle difficoltà impreviste. L’opera, che combina l’idea del ready-made con l’intervento performativo, riflette sull’idea di comunione e fratellanza tra i popoli, ma anche sui contrasti politici e culturali.

    • Tutto è connesso 2

      Tutto è connesso 2

      a cura di Beatrice Merz Il Castello di Rivoli presenta al pubblico tutto è connesso 2, un nuovo allestimento della collezione permanente, in continuità con la più ampia ridefinizione degli spazi dedicati alla precedente mostra tutto è connesso. La rassegna,…

    • T1 – La sindrome di Pantagruel

      T1 – La sindrome di Pantagruel

      A cura di Francesco Bonami e Carolyn Christov-BakargievOrganizzazione: Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, GAM Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino Sedi espositive: Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea; Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino;…