Mario Merz

  • opere
  • lavoro
  • biografia
  • bibliografia
  • mostre
    • Igloo (Tenda di Gheddafi)

      Igloo (Tenda di Gheddafi)

      tubolare in ferro, acrilico su tela di juta

      240 x Ø 500 cm

      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, 1987

    • Architettura fondata dal tempo – Architettura sfondata dal tempo

      Architettura fondata dal tempo – Architettura sfondata dal tempo

      1981
      tubolare in ferro, vetri dipinti, morsetti, pietre, acrilico su tela, neon, fascine
      300 x 1400 x 400 cm
      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea
      Deposito a lungo termine – Fondazione Marco Rivetti, 1996

    • Senza titolo (Una somma reale è una somma di gente)

      Senza titolo (Una somma reale è una somma di gente)

      1972
      11 fotografie in bianco e nero, numeri al neon
      61 x 505 x 13 cm
      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea
      Deposito permanente
      Fondazione CRT Progetto Arte Moderna e Contemporanea, 2004

    • Igloo con albero

      Igloo con albero

      1968-69 tubolare in ferro, vetri, stucco, ramo igloo, 110 x Ø 230 cm; ramo, h 247 cm Collezione Margherita Stein Proprietà Fondazione CRT Progetto Arte Moderna e Contemporanea, 2001 Deposito permanente Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Torino GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino

  • Mario Merz creava le sue opere con materiali eterogenei e quotidiani – dai tondini di metallo ai frammenti di vetro, dalla frutta fresca alle fascine, dalle pile di giornali ai tubi al neon, dalle parole ai numeri. Non credeva nelle distinzioni tra natura e cultura, e spaziava sperimentalmente anche attraverso le tecniche. Ha realizzato sculture, dipinti, fotografie e perfino alcuni video ed è stato tra i primi artisti contemporanei a sviluppare negli anni Sessanta l’arte dell’installazione.
    Pur creando dipinti densi e «materici» già a metà degli anni Cinquanta a Torino, pitture che spesso raffigurano elementi naturali quali foglie o animali, Merz si afferma come protagonista dell’Arte Povera italiana attorno al 1967. Tra i suoi primi lavori di Arte Povera sono una serie di sculture fatte con oggetti comuni che si compenetrano, le sue opere esprimono un interesse per l’accumulazione, per la crescita organica, per il dinamismo e la vitalità in generale. L’immagine della chiocciola e della spirale ricorrono simbolicamente nella sua opera, come nel dipinto intitolato Lumaca, 1976, fatto di creta e tempera su tela grezza al centro del quale campeggia un vero guscio di chiocciola.
    Nel 1967 lavora al suo primo Igloo, una struttura emisferica a cupola che rappresenta un’ideale architettura temporanea e nomadica, una casa antica e contemporanea al tempo stesso, un simbolo della volta celeste e della convivialità. Transitori, cangianti, fisici e «concettuali», gli Igloo si moltiplicano e si declinano diversamente nelle mostre che Merz presenta da quel momento. Sono realizzati in metallo, fango, sacchi di sabbia, rami, cera, pietre e altri materiali. I tre Igloo nella collezione permanente del Castello di Rivoli, datati tra il 1968 e il 1981, si articolano in modo diverso, ma relazionato: il più antico, e anche il più piccolo (due metri di diametro – a dimensione di una persona seduta), è Igloo con albero, 1968-1969. Fatto in tubolare di ferro, vetri e stucco, dalla sommità fuoriesce un albero che suggerisce la compenetrazione tra architettura e mondo naturale. L’Igloo (Tenda di Gheddafi), 1968-1981, è più grande ed è coperto da una tela di iuta dipinta con il motivo delle lance. Infine, la grande installazione Architettura fondata dal tempo – Architettura sfondata dal tempo, 1981, coniuga l’igloo in tubolare di ferro, pietre e vetri con una struttura circolare in ferro e fascine che sinuosamente si estende a partire da esso. È attraversato («sfondato») da una grande tela dipinta che raffigura un immaginario animale preistorico: l’architettura (l’igloo), che è «fondata» dal tempo della civiltà, è a sua volta «sfondata» e continuamente rimessa in questione (e in gioco) dinamico dal tempo della natura. Animale terribile, 1981, è un grande dipinto che raffigura un animale, forse un rinoceronte, ed è realizzato unendo pittura su tela con tubolare in ferro, quasi a sottolineare con il tubolare la forza dell’animale antico.
    Intorno al 1970, inizia a sperimentare con la nozione di crescita esponenziale, e in particolare con la serie numerica di Fibonacci, individuata dall’omonimo matematico pisano nel Medioevo. In questa serie, ogni numero è la somma dei due precedenti (1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21 ecc.) ovunque in natura, come immagine di proliferazione. I numeri, secondo le parole dell’artista, sono «un’invenzione fantastica», qualcosa di razionale che rende possibile l’avvicinarsi all’irrazionalità della vita. Nel 1971 inizia una serie di interventi con i numeri realizzati al neon e disposti negli interni o sugli esterni di edifici. Il neon, in quanto flessibile, permette all’artista di riproporre la scritta stenografica del numero, veloce e immediata. Senza titolo (Una somma reale è una somma di gente), 1972, emerge dal suo interesse per la relazione tra i numeri e vita reale, ed è stato realizzato combinando una serie di fotografie di un crescente numero di persone sedute a mangiare in un ristorante torinese con una serie di Fibonacci di numeri al neon a celebrazione della convivialità e della socializzazione.
    Manica lunga da 1 a 987, 1990, (non riprodotto) appartiene a questa famiglia di lavori: i sedici primi numeri della serie di Fibonacci in neon blu sono situati sull’esterno in mattone della Manica Lunga del Castello di Rivoli, in prossimità delle sedici grandi finestre che scandiscono il lungo edificio. Già nel Seicento preposto a galleria d’arte dalla famiglia Savoia, l’edificio viene riattualizzato in un incontro fra passato e contemporaneo, dove la finestra – membrana di confine tra interno ed esterno – assume un valore primario di relazione e compenetrazione.

    [C.C.B.]

  • Mario Merz. Terra elevata o la storia del disegno, Castello di Rivoli, Rivoli-Torino 1990.

    Mario Merz, Centro per l’arte contemporanea “Luigi Pecci”, Prato – Hopefulmonster, Firenze, 1990.

    Mario Merz, Fundació Antoní Tapies, Barcellona, 1993.

    Mario Merz, Stedelijk Museum, Amsterdam, 1994.

    Mario Merz, Galleria Civica di Arte Contemporanea, Trento – Hopefulmonster, Torino, 1995.

    Marisa Merz, Marian Goodman, Paris / Hopefulmonster, Torino, 2002.

    • Arte Povera International

      Arte Povera International

      a cura di Germano Celant e Beatrice Merz A partire da sabato 8 ottobre 2011 il Castello di Rivoli presenta il proprio contributo all’ambizioso progetto curatoriale di Germano Celant Arte povera 2011. La sezione al Castello di Rivoli, Arte Povera International, è…

    • Tutto è connesso. Ricerche e approfondimenti nell’arte dell’ultimo decennio attraverso la collezione

      Tutto è connesso. Ricerche e approfondimenti nell’arte dell’ultimo decennio attraverso la collezione

      a cura di Beatrice Merz La rassegna tutto è connesso viene presentata nei tre piani del Castello. Al primo e secondo piano sono esposte le nuove acquisizioni, per la prima volta esposte al pubblico e le grande installazioni realizzate espressamente…

    • Dalla terra alla luna: metafore di viaggio (parte I)

      Dalla terra alla luna: metafore di viaggio (parte I)

      a cura di Marcella Beccaria 4 aprile – 26 agosto 2007   Mario Airò, Giovanni Anselmo, Massimo Bartolini, Gabriele Basilico, Lothar Baumgarten, Alighiero Boetti, Jem Cohen, Enzo Cucchi, Roberto Cuoghi, Gino De Dominicis, Thomas Demand, Mario Giacomelli, Rebecca Horn, Roni…

    • Mario Merz

      Mario Merz

      Mario Merz a cura di Pier Giovanni Castagnoli, Ida Gianelli, Beatrice Merz “Se la forma scompare la sua radice è eterna”: in questo verso del poeta mistico Rumi si ritrova la complessa visione di Mario Merz, basata sull’ideale continuità dinamica…

    • Arte Povera in collezione

      Arte Povera in collezione

      A cura di Ida Gianelli, Marcella Beccaria, Giorgio Verzotti   L’Arte Povera, sviluppatasi nella seconda metà degli anni Sessanta contemporaneamente ad analoghe tendenze internazionali come l’Arte Processuale e l’Arte Concettuale, ha proposto un’operatività artistica che, mettendo in relazione i vari…

    • Pittura Italiana da collezioni italiane

      Pittura Italiana da collezioni italiane

      A cura di Giorgio Verzotti Uno dei linguaggi attraverso cui il sistema artistico conferma la sua tradizione, è quello della pittura. Nella pratica artistica contemporanea, il gergo pittorico non si risolve più attraverso la propria auto-legittimazione, ma viene messo in…

    • Collezionismo a Torino

      Collezionismo a Torino

      A cura di Ida Gianelli   La mostra attesta l’importanza rivestita in Italia dal collezionismo privato, a volte più avveduto e puntuale di quello pubblico, nella scoperta di sempre nuovi contributi all’evoluzione della storia dell’arte contemporanea. Viene presentata al pubblico…

    • L’orizzonte

      L’orizzonte

      A cura di Rudi Fuchs, Ida Gianelli   La collezione permanente per un museo è ciò che ne definisce e qualifica l’identità e costituisce un patrimonio fruibile dalla collettività verso un orientamento nella conoscenza dell’arte e delle direzioni che essa…

    • Un’avventura internazionale. Torino e le arti 1950-1970

      Un’avventura internazionale. Torino e le arti 1950-1970

      A cura di Germano Celant, Paolo Fossati, Ida Gianelli   La mostra intende mettere in rilievo il ruolo propulsivo che la città di Torino ha svolto tra il 1950 e il 1970, non solo nell’ambito delle arti visive, ma in…

    • Mario Merz. Terra elevata o la storia del disegno

      Mario Merz. Terra elevata o la storia del disegno

      A cura di Rudi Fuchs, Johannes Gachnang, Cristina Mundici   Creatore di un sistema di pensiero teso a esplorare la continuità delle leggi che governano il mondo organico e la relazione tra individuo, natura e società, Mario Merz (Milano 1925-2003)…

    • Il museo sperimentale di Torino

      Il museo sperimentale di Torino

      a cura di Mirella Bandini Il primo nucleo di opere del Museo Sperimentale d’Arte Contemporanea fu raccolto, a partire dal 1963, su iniziativa di Eugenio Battisti presso l’Istituto di Storia dell’Arte dell’Università di Genova, con l’intento di conferire all’attività didattica…

    • Ouverture

      Ouverture

      La prima mostra del Castello di Rivoli è ideata come modello per una collezione, tesa a focalizzare momenti salienti dell’arte contemporanea. Evitando alcun tipo di gerarchia, ma puntando invece sull’idea di un dialogo a più voci, la selezione include solo…