Paul Pfeiffer

  • opere
  • lavoro
  • biografia
  • bibliografia
  • mostre
    • Corner Piece (Opera d’angolo)

      Corner Piece (Opera d’angolo)

      2002-3

      video, monitor, DVD, colore, sonoro, 2’10’’, struttura in metallo

      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, 2003

  • In Corner Piece (Opera d’angolo), 2002-2003, Paul Pfeiffer elabora digitalmente alcune riprese televisive relative a un incontro di boxe. L’artista si sofferma sugli intervalli che ritmano i combattimenti, durante i quali l’atleta viene medicato dal suo allenatore. L’immagine del protagonista è però cancellata, mentre resta visibile l’azione che si svolge intorno. Citando la struttura del ring, il video è trasmesso da un monitor montato in modo da costringere all’angolo ciascun spettatore. Evocando la dinamica di un incontro a distanza ravvicinata, l’artista riesce così a creare una situazione claustrofobica.
    Attingendo prevalentemente a registrazioni televisive di eventi sportivi, nelle sue opere Pfeiffer riflette sui miti collettivi, soffermandosi soprattutto su quelli che dominano l’immaginario del pubblico televisivo americano. In particolare, l’artista analizza il complesso livello di costruzione che caratterizza gli atleti celebri e le personalità dello sport. Il suo metodo di lavoro consiste nell’appropriarsi di materiale già esistente, sottraendo il giocatore o lo sportivo, per poi elaborare l’immagine così ottenuta in video e fotografie. L’insistenza sul processo di sottrazione contraddice la centralità affidata al ruolo della figura umana nella storia della rappresentazione occidentale, ridotta invece a una sorta di “disturbo” nell’ambito della trasmissione digitale.
    Compiendo un ulteriore operazione di sottrazione, cancella anche la dimensione spettacolare relativa all’evento citato e dispone invece le condizioni per una fruizione intima e quasi ipnotica dell’opera. I suoi video sono spesso montati a ciclo continuo e trasmessi da monitor di piccole dimensioni. Disponendo inoltre le condizioni del dialogo con il proprio pubblico, Pfeiffer disegna anche le staffe a muro che sostengono i monitor, ottenendo installazioni di forte presenza scultorea.

    [M.B.]

    • I Moderni

      I Moderni

      a cura di Carolyn Christov-Bakargiev   La mostra I Moderni presenta sculture, ambienti, dipinti, testi, suono, video e film creati da artisti di tutto il mondo. Con opere di Haluk Akakçe, Ricci Albenda, Massimo Bartolini, Elisabetta Benassi, Tacita Dean, Tom…