Thomas Ruff

  • opere
  • lavoro
  • biografia
  • bibliografia
  • mostre
    • jpeg ri02

      jpeg ri02

      2007

      chromogenic print, Diasec

      101 9/16 x 74 in.

      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Torino

      Permanent loan

      Fondazione CRT Progetto Arte Moderna e Contemporanea, 2008

    • jpeg tr01

      jpeg tr01

      2007

      stampa cromogenica, Diasec

      259 x 188 cm

      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-Torino

      Deposito permanente

      Fondazione CRT Progetto Arte Moderna e Contemporanea, 2008

    • m.d.p.n.33

      m.d.p.n.33

      2003

      stampa cromogenica

      186 x 276 cm

      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea

      Deposito permanente

      Fondazione CRT Progetto Arte Moderna e Contemporanea, 2006

    • m.d.p.n.08

      m.d.p.n.08

      2002

      stampa cromogenica

      186 x 276 cm

      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea

      Deposito permanente 

      Fondazione CRT Progetto Arte Moderna e Contemporanea, 2006

    • Substraat 16 I (Sostrato 16 I)

      Substraat 16 I (Sostrato 16 I)

      2002

      stampa cromogenica

      287 x 186 cm

      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, 2004

    • 02h  36m/-40°

      02h 36m/-40°

      1990

      stampa cromogenica

      259 x 186 cm

      Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, 2004

  • Alla ricerca delle proprietà essenziali della fotografia, l’intera opera di Thomas Ruff è volta all’analisi della struttura delle immagini. Quasi fosse uno scienziato che procede attraverso esperimenti, per ogni tema scelto, l’artista realizza numerose fotografie, ordinandole in serie. L’insieme delle immagini che compongono ciascuna serie permette a Ruff di paragonare e testare i risultati ogni volta ottenuti. Le opere in collezione appartengono a tre diverse serie tra le numerose a oggi prodotte dall’artista.
    02h 36m / – 40°, 1990, è parte di Sterne (Stelle), 1989-1992, serie incentrata su immagini della volta celeste. Appassionato di astronomia sin dall’adolescenza, comprendendo che il suo equipaggiamento da fotografo professionista non gli avrebbe permesso di realizzare immagini soddisfacenti delle stelle, l’artista si è rivolto agli archivi dell’ESO (European Southern Observatory), l’organizzazione europea per la ricerca astronomica nell’emisfero del sud e ha scelto numerose fotografie provenienti da un osservatorio astronomico situato in Cile. Di ciascuna immagine ha conseguentemente ricercato il negativo originale e ne ha selezionato un dettaglio, a partire dal quale ha stampato una nuova fotografia, realizzata secondo la tecnica e le dimensioni che definiscono il suo lavoro. Come descritto dal titolo, 02h 36m / – 40° è la rappresentazione accurata di un angolo di universo, ottenuta con i più sofisticati strumenti scientifici disponibili al momento della sua realizzazione. Al tempo stesso, l’opera è un’immagine astratta, stimolo per un viaggio dell’immaginazione verso l’infinitamente lontano.
    Interessato ad analizzare i livelli di rimozione dalla realtà e la dipendenza dell’immaginazione contemporanea rispetto ai media, in anni recenti Ruff ha utilizzato Internet quale fonte primaria. Tra le altre, nasce così la serie Substrat (Sostrato), realizzata tra il 2001 e il 2004. Analogamente agli altri lavori, l’opera in collezione, Substrat 16 I (Sostrato 16 I), 2002, sembra ritrarre le infinite mutazioni cromatiche di una sostanza instabile, definita da sensuali campi di colori dalle tonalità accese. Tuttavia, l’intera serie nasce dall’appropriazione di fumetti giapponesi, scelti da Ruff su Internet in quanto slegati dall’idea di raffigurazione realistica. Ogni fotografia è ottenuta sovrapponendo, combinando e moltiplicando le immagini di partenza, elaborate con tecnologia digitale. Occultando la riconoscibilità delle forme originarie, ridotte a puri stimoli visivi, il processo impiegato dall’artista allude alla ricerca dello strato più profondo presente alla base di ogni immagine. Il risultato include la possibilità di svelare il potenziale “nulla” che si cela dietro a molte di esse.
    m.d.p.n.08, 2002 e m.d.p.n.33, 2003 rientrano nell’ambito delle fotografie di architettura che più volte appaiono nell’opera di Ruff. In questo caso, il soggetto di partenza è il mercato ittico di Napoli, realizzato da Luigi Cosenza tra il 1929 e il 1934. Esempio del tardo razionalismo, l’edificio si presta all’interpretazione di Ruff e le due immagini in collezione rappresentano i poli apparentemente opposti delle presunte possibilità della fotografia.
    Mentre la fotografia dell’interno dell’edificio rimanda alla tradizione documentaria, quella relativa all’esterno è frutto di una complessa elaborazione digitale.

    [M.B.]

    • Thomas Ruff

      Thomas Ruff

      a cura di Carolyn Christov-Bakargiev Alla fine degli anni Ottanta,Thomas Ruff (Zell am Harmersbach, Germania, 1958, vive e lavora a Düsseldorf) è tra i primi artisti ad usare la fotografia come mezzo artistico pienamente riconosciuto nell’arte contemporanea. Partecipa a Documenta…

    • Una stanza tutta per sé

      Una stanza tutta per sé

      a cura di Marcella Beccaria Ispirandosi all’omonimo saggio di Virginia Woolf (1929), la mostra Una stanza tutta per sé è una riflessione sul valore positivo della solitudine e sulla sua importanza in ambito creativo. Immergendo gli spettatori in ambienti capaci…

    • Dalla terra alla luna: metafore di viaggio (parte I)

      Dalla terra alla luna: metafore di viaggio (parte I)

      a cura di Marcella Beccaria 4 aprile – 26 agosto 2007   Mario Airò, Giovanni Anselmo, Massimo Bartolini, Gabriele Basilico, Lothar Baumgarten, Alighiero Boetti, Jem Cohen, Enzo Cucchi, Roberto Cuoghi, Gino De Dominicis, Thomas Demand, Mario Giacomelli, Rebecca Horn, Roni…

    • Post Human

      Post Human

      A cura di Jeffrey Deitch   Il tema della corporeità e l’ideale del corpo così come viene rielaborato dalle strategie comunicative sono i nodi centrali di questa mostra che raccoglie artisti internazionali appartenenti alle tendenze più significative degli anni Novanta….

    • Sguardo di Medusa

      Sguardo di Medusa

      A cura di Ida Gianelli   Dagli anni Sessanta, grazie ad artisti come Rauschenberg o Warhol, la fotografia entra prepotentemente a far parte del mondo artistico, prima come strumento finalizzato alla produzione artistica in seguito come pura rappresentazione del reale…