1968-1969 Dall’immaginazione al potere

Giovedì 12 luglio 2018 Ore 17.30
Polo del ‘900, Sala 900
Dalle collaborazioni creative al Terzo Paradiso
Dalla Biennale di Venezia (1968-2005), al mondo fino allo spazio siderale

Michelangelo Pistoletto in dialogo con Anna Pironti e Fortunato D’Amico

 

Rassegna a cura di ISMEL e del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli
in collaborazione con il Centro studi Piero Gobetti

Nell’ambito delle attività culturali del Polo del ’900, ISMEL – Istituto per la Memoria e la Cultura del Lavoro, dell’Impresa e dei Diritti Sociali propone una nuova rassegna in collaborazione con il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli e con il Centro Studi Piero Gobetti, in occasione del 50° Anniversario del 1968.
Prosegue così il filone di riflessione avviato con successo nel 2017 con il ciclo di incontri Lavorare… ad Arte, conversazioni sul tema del lavoro nel contesto artistico-culturale con alcuni protagonisti dell’arte e della cultura contemporanea. 
Mettendo a confronto una molteplicità di punti di vista, e in particolare grazie allo sguardo di artisti e protagonisti della scena culturale, ISMEL e il Dipartimento Educazione intendono evidenziare i mutamenti in atto nella società, non soltanto sul piano strutturale ma in rapporto al vissuto delle persone.
1968-2018: a 50 anni di distanza, lo spirito rivoluzionario che ha animato i sogni, le speranze e le lotte del 1968 verrà rievocato e ri-attualizzato nell’incontro con ospiti d’eccezione provenienti dai diversi ambiti artistici: l’Arte esprime infatti l’agenda del cambiamento toccando il sistema di valori, le emozioni profonde, l’idea stessa di armonia che regola l’evoluzione della società (Giovanni Ferrero).

Precedenti incontri
Giovedì 21 giugno 2018 Ore 17.30
Polo del ‘900, Sala didattica
Il lungo ‘68 dell’arte
Dialogo tra Laurana Lajolo, Fortunato D’Amico e Roberto Villa
Giovedì 28 giugno 2018 Ore 17.30
Polo del ‘900, Sala didattica
Il’ 68 in Musica
Introduce e coordina Marco Basso
Con Toni Lama, Gigi Venegoni, Enzo Maolucci

Il ciclo si concluderà in autunno con una riflessione su Arte e Politica.