Dall’argilla all’algoritmo. Arte e tecnologia. Dalle Collezioni di Intesa Sanpaolo e del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

La mostra Dall’argilla all’algoritmo. Arte e tecnologia. Dalle Collezioni di Intesa Sanpaolo e del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea alle Gallerie d’Italia di Milano indaga la relazione tra tecnologia, soggettività umana e arte.

Per tecnologia (da téchne, arte, abilità, mestiere, e logos, parola, discorso, ragione) si intende l’insieme dei saperi attraverso i quali la scienza si applica a creare strumenti utili alla società, quali utensili, macchine, apparecchi per trasportare, comunicare, o di uso bellico: dalla prima pietra utilizzata dall’uomo, all’uso del fuoco, del ferro, alla scoperta della terracotta, alla ruota, allo specchio, alla carta e stampa, all’elettricità, al telefono, a Internet, fino all’applicazione congiunta di genetica, nanotecnologie, digitale, robotica e intelligenza artificiale.

Dagli albori dell’umanità, gli avanzamenti tecnologici modificano l’esperienza della realtà, inducendo cambiamenti nelle relazioni sociali, nell’immaginario collettivo e individuale, trasformando le possibili forme di creatività artistica. Il tema è di particolare pregnanza nel momento attuale, nel contesto della società 4.0 e, nell’avvenire, 5.0, nella quale l’innovazione digitale ci pone in costante relazione con inedite esperienze di robotizzazione e intelligenza artificiale.

A partire dall’ottica del presente, la mostra curata da Carolyn Christov-Bakargiev e Marcella Beccaria – con il coordinamento generale di Gianfranco Brunelli – propone un percorso basato su dialoghi inediti e intenzionalmente non-cronologico: si spazia da antichi vasi greci a opere di artisti contemporanei internazionali, approfondendo i modi in cui artisti di epoche diverse si sono relazionati con la tecnologia, il suo fascino, le sue utopie oppure i suoi demoni, anticipando o riflettendo radicali cambiamenti sociali e culturali.

Le opere sono state selezionate dalle collezioni di Intesa Sanpaolo e da quelle del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e rimarranno in esposizione da venerdì 31 maggio a domenica 8 settembre 2019. Nello stesso periodo abbiamo organizzato una serie di eventi collaterali che puoi approfondire nella sezione Eventi: troverai visite guidate per adulti e per gli abbonati Musei Lombardia, attività per famiglie e oratori, laboratori di filosofia per bambini in collaborazione con l’associazione Ludosofici.

Informazioni
Dove
Gallerie d’Italia
Piazza della Scala 6
Milano

Periodo
Inaugurazione: giovedì 30 maggio dalle 19:30 alle 22:30 (ultimo ingresso alle 21:30) con entrata gratuita.
Dal 31 maggio fino all’8 settembre 2019

Orari
Da martedì a domenica dalle 9:30 alle 19:30.
Giovedì dalle 9:30 alle 22:30.
Chiuso il lunedì.
Ultimo ingresso: un’ora prima della chiusura.

Ingresso
Biglietto congiunto valido per le mostre e le collezioni permanenti acquistabile direttamente in biglietteria:
– intero: 10,00 €
– ridotto: 8,00 €
– ridotto speciale: 5,00 €
– gratuito: ogni prima domenica del mese

 

 

Scarica il Comunicato Stampa di DALL’ARGILLA ALL’ALGORITMO

 

Rielaborazione grafica Nexo da Giorgio de Chirico, Muse metafisiche, 1918, © Giorgio de Chirico by SIAE 2019, Collezione Fondazione Francesco Federico Cerruti per l’Arte.
Deposito a lungo termine, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli-­Torino.