Caricamento Eventi

Proiezione dei film di Gianfranco Barberi e Marco di Castri “Joseph Beuys. A new idea of art”, 1987 e “Tinguely à la Verrérie”, 1996, alla presenza degli autori

October 12, 2019 from 08:30PM to 10:30PM

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

 

12 ottobre 2019, ore 20.30

In occasione della Giornata del Contemporaneo 2019, il CRRI – Castello di Rivoli Research Institute dedica una serata alla produzione di Gianfranco Barberi e Marco di Castri, autori di numerosi film su artisti e mostre, distribuiti e trasmessi in tutto il mondo.

Barberi e di Castri iniziano la loro collaborazione nel 1984, in occasione dell’apertura del Museo d’Arte Contemporanea del Castello di Rivoli, dapprima lavorando con KWK Kinowerke, casa di produzione indipendente torinese, e successivamente fondando loro stessi la società Cataloga. Sotto la direzione del Museo da parte di Rudi Fuchs, riprendono molte delle mostre, a partire dal film sulla mostra inaugurale Ouverture, 1984: grande occasione per i due filmaker perché simile a un enorme atelier, Ouvertureracconta i giorni che precedono l’apertura del Museo, durante i quali decine di artisti di fama mondiale installano i propri lavori.

In collaborazione con il Castello di Rivoli realizzano ancora Joseph Beuys. A new idea of art, 1987; Nordsud, 1987; Standing sculpture, 1988, Donald Judd a Rivoli, 1988; Jannis Kounellis. Bisogna avere una certezza immobile come una stella, 1989; Mario Merz. Terra elevata, 1990; Michelangelo Pistoletto. Dall’uno a oggi, 1991.

Lavorano poi con altre istituzioni, come il Musée National d’Art Moderne – Centre Georges Pompidou per Il corso del coltello a Parigi, 1987, Jean Tinguely, 1988 e Magiciens de la Terre, 1989, cronaca di quello che succede nel mese di aprile del 1989 a Parigi negli spazi della Grande Halle della Villette e del Centre Pompidou, quando si allestisce l’omonima mostra. Un secondo lavoro dedicato a Tinguely è Tinguely à la Vérrerie, del 1996, commissionato dal Museo Jean Tinguely di Basilea.

A partire dagli incontri con gli artisti nascono film come Now I Know Snow, 1986, Michelangelo Pistoletto. I have a mirror, you have mirror, 1988 – presentato al PS1 di New York nel 1988 in occasione della mostra retrospettiva sull’artista -,Claudio Parmiggiani. Una scultura, 1975-1991, 1991. Con il film su Michael Snow sperimentano l’utilizzo dell’elettronica, che utilizzano poi pienamente per i film sulle mostre torinesi L’abito della rivoluzione, 1988 e Dal cavalletto alla città. Arte russa e sovietica, 1870-1930, 1989.

Nel 1993 il Musée National d’Art Moderne Centre Georges Pompidou dedica una mostra retrospettiva alla completa produzione di Cataloga.

Quando decidono di iniziare la loro collaborazione, i due filmaker pensano a trovare un modo per documentare l’arte, non tradizionalmente, per via di interviste e di riprese a mostra allestita, ma piuttosto con l’intento di raccontare il divenire della mostra e dello spazio che si fa opera; non tramite il linguaggio del documentario, ma tramite il linguaggio filmico. In questo modo, filmando la relazione che si instaura tra l’artista e lo spazio, da questi utilizzato e “ordinato”, possono mostrare il momento a cui il pubblico solitamente non può assistere. Lasciano così dei documenti unici, guidati sempre da uno sguardo consapevole del loro ruolo di spettatori, e volendo utilizzare il loro lavoro come strumento di conoscenza.

Programma attività del CRRI

Creato all’interno del Museo quale estensione della sua Biblioteca, il CRRI è un dipartimento volto alla ricerca, raccolta e valorizzazione dei materiali d’archivio di artisti, curatori, critici, galleristi e collezionisti attivi tra gli anni sessanta e i giorni nostri. Gli archivi raccolti e catalogati diventano così non solo materiale di studio e di ricerca da parte di studiosi italiani e internazionali, ma anche materia viva aperta all’utilizzo creativo e interdisciplinare. Il CRRI si adopera inoltre nella formazione di figure professionali, come dimostrano i workshop, tra cui quello per la formazione di archivisti d’arte contemporanea, tenutosi nel 2017, quelli per registrar e per esperti in studi sulla provenienza di opere d’arte, tenutisi rispettivamente nel 2018 e nel 2019, in collaborazione con il Family Office Tosetti Value.

Le attività del CRRI sono sostenute dalla Regione Piemonte e dalla Compagnia di San Paolo.

Si ringraziano Gianfranco Barberi e Marco di Castri