NOTTE BIANCA alla GAM e al Castello di Rivoli Grande successo della prima iniziativa congiunta dei due Musei 4.000 partecipanti e navette acustiche esaurite

 

Il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e la GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea hanno partecipato insieme con successo alle iniziative legate alla Notte Bianca con cui si è celebrato il decennale delle Olimpiadi invernali di Torino 2006.

 

Sabato 27 febbraio la GAM e il Castello di Rivoli sono rimasti aperti straordinariamente fino a mezzanotte con ingresso a 1 euro (al Castello di Rivoli gratuito per gli studenti), collegati da un servizio gratuito di navette acustiche a cura di Xplosiva i cui posti, vista la grande affluenza di pubblico, sono presto andati esauriti.

 

Alla GAM, 2.000 persone hanno preso parte all’inaugurazione della mostra Piero Gilardi May days in Turin in VideotecaGAM e all’intervento straordinario di Franco Audrito, che ha raccontato nel suo penultimo giorno di apertura la mostra Il Mercante di Nuvole. Studio65 Cinquant’anni di futuro. Il grande successo riscosso dalla visita ha richiesto una replica alle ore 23.

 

Al CASTELLO DI RIVOLI circa 2.000 persone sono state condotte in visita alla Collezione permanente dagli Artenauti del Dipartimento Educazione e invitate a partecipare al workshop di serigrafia e composizione grafico-pittorica. Grande successo anche per la proiezione dell’opera Fiorucci Made Me Hardcore (1999) di Mark Leckey alternata agli “show” dei protagonisti di The Italian New Wave, mentre di grande fascino è stata la magistrale esecuzione di Luca Ieracitano che ha proposto il quarto movimento della Nona Sinfonia di Beethoven, comunemente conosciuto come Inno alla Gioia, suonando in piedi, rivolto al contrario, da un buco scavato al centro di un pianoforte Bechstein munito di ruote realizzato dagli artisti Allora & Calzadilla.