L’Arte Cura. Al Castello di Rivoli per le vaccinazioni Covid-19

NOTA INFORMATIVA

Il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, in collaborazione con la Città di Rivoli e l’ASL TO3, sta definendo un progetto-pilota che prevede di destinare alcuni spazi del Museo a sede per le vaccinazioni.

A sostegno del Piano Nazionale di Vaccinazione Covid-19, il Castello di Rivoli ha proposto di utilizzare il Museo stesso. Questo progetto è in sinergia con Cultura Italiae, che propone una campagna nazionale per la riapertura dei musei, teatri e luoghi della cultura quali nuovi presidi a tutela della salute dei cittadini.

Da sempre l’arte è anche cura, esperienza che include e coinvolge, capace di essere terapia che elabora il trauma. Il museo, la cui cifra è l’apertura e la pluralità, si propone dunque come luogo d’elezione di un servizio rivolto alla collettività ospitando nei suoi spazi una sede per le vaccinazioni Covid-19.

I musei proprio per le azioni di monitoraggio e di controllo svolte normalmente, si prestano come spazi ideali per accogliere sedi vaccinali. Le ampie sale del terzo piano del Castello di Rivoli permetteranno di allestire nei prossimi mesi postazioni vaccinali e spazi per il monitoraggio post-vaccinale in un ambiente confortevole e sicuro che, grazie alle rigorose procedure igieniche, assicurerà la massima tutela.