Caricamento Eventi

Emanuele Coccia. METAMORFOSI. SIAMO TUTTI LA STESSA VITA

15 febbraio 2020 dalle 17:00 alle 18:00

COMP(H)OST #5

Sabato 15 febbraio 2020

Castello di Rivoli di Museo d’Arte Contemporanea 

Teatro del Castello ore 17.00

 

Con la conferenza Metamorfosi. Siamo tutti la stessa vita del filosofo Emanuele Coccia riprendono sabato 15 febbraio al Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea gli appuntamenti di COMP(H)OST.

Esponente di rilievo internazionale del dibattito filosofico contemporaneo, Emanuele Coccia ha guadagnato l’attenzione del grande pubblico con La vita delle piante. Metafisica della mescolanza, volume uscito in Francia nel 2016 e due anni dopo in Italia, nel quale l’autore propone una rilettura della genesi del vivente a partire dalle piante. Agenti di unione tra la terra e il cielo, le piante sono individuate nella riflessione di Coccia come l’espressione paradigmatica dell’interrelazione tra tutte le forme di vita e della materia, attraverso modalità di scambio e trasformazione che superano le logiche binarie e oppositive a favore dell’unità del tutto.

In questa prospettiva, la metamorfosi esemplifica la condizione fluida dell’essere. “Ne abbiamo fatto tutti esperienza quando eravamo bambini”, dice Coccia. “Un bruco diventa una farfalla: la stessa vita si incarna in due corpi che non hanno nulla in comune. Uno è un enorme tubo digestivo appoggiato su gambe che si arrampicano per terra, l’altro è una macchina che svolazza per accoppiarsi: non hanno né la stessa identità anatomica, né gli stessi abiti, né un mondo specifico, eppure sono lo stesso io, e sono intimamente legati l’uno all’altro come ciascuno di noi lo è al proprio di bambino. Questo rapporto non si limita al bruco e alla farfalla, ma si estende a tutti gli esseri viventi. Indipendentemente dalla specie e dal regno a cui appartengono, tutti i corpi viventi, presente, passato e futuro, sono la stessa vita che si trasmette da corpo a corpo, da specie a specie, da epoca ad epoca. La metamorfosi è il rapporto che unisce tutti gli esseri viventi al pianeta, di cui sono l’espressione: la vita è solo la farfalla di questo enorme bruco che è la nostra Terra”.

 

Biografia

Emanuele Coccia è un filosofo italiano che vive a Parigi, dove insegna all’École des Hautes Études en Sciences Sociales (EHESS), una delle più importanti scuole di scienze umane contemporanee. A partire da studi su Averroè e l’averroismo, la sua ricerca si è rivolta allo statuto ontologico delle immagini e al loro potere normativo, e all’indagine sulla natura del vivente. Su questi temi ha pubblicato numerosi libri, tradotti in varie lingue, tra i quali La vita sensibile (Il Mulino, 2011), che analizza la sensibilità come facoltà complementare, e non contrapposta, al pensiero razionale, Il bene nelle cose. La pubblicità come discorso morale (il Mulino, 2014) e il più recente e noto La vita delle piante. Metafisica della mescolanza (il Mulino, 2018), tradotto in dieci lingue. Ha collaborato a progetti editoriali con il filosofo Giorgio Agamben e ha tenuto lezioni e corsi nelle università di Friburgo, Tokyo, Buenos Aires, Düsseldorf, Amsterdam, alla Columbia University e a Princeton.

METAMORFOSI. SIAMO TUTTI LA STESSA VITA è il quinto appuntamento di COMP(H)OST, che si terrà nel Teatro del Castello alle ore 17 con ingresso gratuito fino a esaurimento posti. È disponibile il servizio navetta Rivoli Express A/R dal centro di Torino con partenze da Piazza Castello e stazione di Porta Susa (piazza XVIII Dicembre)

COMP(H)OST, un progetto realizzato da a.titolo, NERO e Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, in collaborazione con il Witte de With Center for Contemporary Art di Rotterdam, con il sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “ORA! Produzioni di Cultura Contemporanea”, con il contributo della Regione Piemonte, l’ospitalità di Duparc Contemporary Suites e la collaborazione di Film Commission Torino Piemonte.

COMP(H)OST è basato su un’idea di Marianna Vecellio e Sofía Hernández Chong Cuy ed è curato da Francesca Comisso e Luisa Perlo per a.titolo, Marianna Vecellio per il Castello di Rivoli, Lorenzo Gigotti, Valerio Mannucci e Valerio Mattioli per NERO.

 

Che cos’è Comp(h)ost

COMP(H)OST è un progetto in cui la nozione di compostaggio incontra quella di ospitalità. Con i suoi rimandi ai concetti di suolo, scarto e fertilità, il compost è il luogo della mescolanza e della trasformazione continua tra stati della materia, di alleanze tra forme del vivente, in cui sono compresenti “simile” e “diverso” in una condizione di vitalità e crescita.

Ispirato alla nozione di compost elaborata dalla filosofa e biologa Donna Haraway nei suoi testi, la formula del comp(h)ost proposta in questo progetto assume due sfumature tra loro complementari: una organica, che riguarda le questioni ecologiche in tutte le loro varie articolazioni, e una sociale, che prende in esame le criticità politiche ed economiche del nostro tempo. In questa duplice declinazione il progetto esplora direzioni della ricerca artistica e del pensiero contemporaneo che alla luce delle emergenze del presente forniscono visioni e suggestioni produttive di nuovi scenari e di nuove possibili pratiche di vita.

Nell’evocare il potere generativo e fertilizzante dell’ospite, COMP(H)OST riparte dalla figura dell’artista come incarnazione della mobilità, dell’“estraneità” e come elemento essenziale all’innesco dei processi, al fine di riattivarne la funzione di indagatore dei temi della convivenza, dei legami, della cooperazione, della coabitazione e del rapporto che intercorre tra natura e artificio, tra scarto e risorsa, tra ciò che è e ciò che potrebbe essere.

A tale proposito, COMP(H)OST coinvolge le artiste Claire Pentecost, Rossella Biscotti e Otobong Nkanga nella produzione di performance e laboratori appositamente ideati per il progetto, nell’ambito di un programma di conferenze, panel discussion, conversazioni che dal luglio 2019 ha già ospitato, tra gli altri, la coppia olandese di artisti e designer Metahaven in dialogo con il curatore Leonardo Dellanoce, Diann Bauer, artista e cofondatrice del collettivo xenofemminista Laboria Cuboniks, e i filosofi Vinciane Despret e Emanuele Coccia.

COMP(H)OST declina le nozioni di ospitalità e di compost, come espressione dello scambio, della sinergia e della mescolanza, nella struttura stessa del progetto, che si realizza attraverso un vero e proprio ingaggio della città e del territorio. Persone, storie, luoghi, progettualità e competenze sono coinvolti nello sviluppo delle ricerche e dei progetti delle artiste invitate, al fine di stabilire nuovi legami e offrire al pubblico l’opportunità di conoscere contesti e saperi talvolta poco noti al di fuori dei loro ambiti specialistici. In questa ottica COMP(H)OST ha finora coinvolto esperti, artisti e realtà torinesi quali il PAV Parco Arte Vivente, l’associazione COORPI Coordinamento Danza Piemonte e il nuovo Circolo del Design.

COMP(H)OST è anche un Laboratorio di comunicazione, guidato dalla filmmaker Irene Dionisio e dalla fotografa Francesca Cirilli, per la produzione di documentazione audiovisiva e fotografica del progetto. Iniziato nel mese di maggio, il Laboratorio di COMP(H)OST è ospitato presso gli spazi di Film Commission Torino Piemonte e coinvolge un gruppo di giovani creativi selezionati tramite bando, composto da Daniele Alef Grillo, Laura Barrios, Michela Curti, Matteo Grasso, Federico Pozuelo, Isabella Quaranta, Michela Ronco, Giovanni Sambo, Francesca Ticca, Giulia Travaglio, Ettore Ventura e Carla Vivalda.