Caricamento Eventi

Est-Ovest Festival Il ponte sulla Drina

17 novembre 2019 dalle 16:00 alle 18:00

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese Britannico. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua alternativa. Puoi cliccare sul link per cambiare la lingua attiva.

Torna l’ EstOvest Festival, tradizionale appuntamento con la musica classica contemporanea

Prendendo spunto dal romanzo del premio Nobel Günter Grass, il Festival del diciottesimo anno è stato intitolato “Tamburi di latta“, per rendere omaggio alla creatività ed alla capacità evocare situazioni irreali, metafore del silenzio e del baccano, del disincanto e della magia della musica e dell’arte in genere.

 

Il Ponte sulla Drina
«Le lunazioni si susseguivano e le generazioni sparivano rapidamente, ma il ponte restava, immutabile, come l’acqua che scorreva sotto le sue arcate.»
Il Ponte sulla Drina, Ivo Andric
Il Ponte sulla Drina è sicuramente uno dei romanzi più straordinari del Novecento. Scritto dal Premio Nobel bosniaco Ivo Andric, racconta di cinquecento anni di storia dei Balcani, crocevia di culture e popoli, guerre e rivalità. Tutto ciò , fino a giungere alla prima guerra mondiale, sotto le arcate salde e prestanti del Ponte “silenzioso” e immutabile.
Incorniciato da due contrappunti dell’ Arte della Fuga, il programma musicale vuole in qualche modo rappresentare la varietà e leterogeneità degli stili di quell’area dell’Europa.
Autori celeberrimi e prime esecuzioni italiane si alternano in un repertorio interamente dedicato al quartetto d’archi e supportato da una voce narrante.
Il languido ed ironico Underground Tango di Bregovich viene accostato alle musiche di Adnan Saygun , il più importante compositore della Turchia di Atatürk insieme alla pagine di Petrovics, così inequivocabilmente influenzato dai grandi compositori sovietici e da Shostakovich in particolare. A rappresentare l’Austria , lo struggente primo movimento del quartetto di Franz Schubert Rosamunda.
Quartetto Ascanio
Damiano Babbini, violino
Francesco Bagnasco, violino
Costanza Pepini, viola
Catherine Bruni, violoncello
Marco Testa, narratore
Programma:
J S Bach, Arte della Fuga , contrappunto I
Gyorgy Kurtag , 12 Microludes
Goran Bregovich , Underground Tango
Emil Petrovics, String quartet n 1- I movimento *
Franz Schubert, Rosamunde , I movimento
Ahmed Adnan Saygun, String quartet n 4, I o II movimento *
J S Bach, Arte della Fuga, contrappunto XIV
*Prima esecuzione italiana

Teatro del Castello

Piazzale Mafalda di Savoia 2, Rivoli (TO)
Intero 8 
Ridotto 5 
(con biglietto del Museo: 5€)