Caricamento Eventi

PESTIFERA | Buio di Emanuela Rossi

24 luglio 2020 dalle 21:00 alle 23:00

La rassegna serale PESTIFERA si svolge nel giardino esterno del Castello di Rivoli e indaga la rappresentazione delle pandemie attraverso l’arte cinematografica.

In occasione dell’ultimo appuntamento prima della pausa estiva, venerdì 24 luglio la proiezione del nuovo film Buio (2019) sarà preceduta dall’introduzione della stessa filmmaker e regista Emanuela Rossi nonché dalla lettura dell’artista e regista Irene Dionisio del testo Coronavirus Capitalism (2020) di Naomi Klein.

Il film Buio, presentato in anteprima a Torino, vincitore del Nastro d’argento SIAE per la sceneggiatura e del Premio Raffaella Fioretta per il Cinema Italiano ad Alice nella Città 2019, è l’opera prima della regista, da lei stessa sceneggiata con Claudio Corbucci, produttore del film. L’opera è stata presentata in concorso al Tallinn Black Nights Film Festival 2019, al Chelthenam Film Festival in Inghilterra e al Festival Univercinè Italien di Nantes 2020, dove ha vinto il Prix des Lycéens. Realizzato con il contributo del POR FESR Piemonte 2014-2020 – Azione III.3c.1.2 – bando “Piemonte Film TV Fund” e con il sostegno della Film Commission Torino PiemonteBuio è prodotto dalla Courier Film, con la produzione esecutiva della Redibis Film, con Daniele Segre e Daniele De Cicco.

24 luglio, ore 21.30
Buio (2019) regia di Emanuela Rossi (98’)
Con Valerio Binasco, Denise Tantucci, Gaia Bocci

Le sorelle Stella, Luce e Aria trascorrono le giornate in lockdown, segregate in casa. Ogni sera, quando rientra, il padre racconta quanto sia pericoloso il mondo fuori. Un giorno l’uomo sparisce e Stella, la figlia più grande, è costretta a uscire per fare provviste. Una favola post-apocalittica, ma anche un romanzo di formazione che è un inno alla vita e alla forza dell’adolescenza. Opera prima della regista, vincitrice nel 2019 della sezione “Alice nella Città” al Festival del Cinema di Roma.

Biografia
La regista Emanuela Rossi (Roma, 1959) è marchigiana e vive a Roma. Si è laureata al Dams di Bologna con una tesi su Alain Robbe-Grillet. Ha lavorato per diversi anni a Milano come giornalista free-lance nei magazine femminili (Grazia, Marie Claire, D-Donna etc). Nel 2003 si è trasferita a Roma e ha cominciato a lavorare come sceneggiatrice tv (CarabinieriLa Squadra). Nel 2007 ha realizzato come sceneggiatrice, regista e produttrice il suo primo cortometraggio, Il bambino di Carla, vincitore di Arcipelago, cinquina Nastri d’Argento e David di Donatello, selezionato in festivals in tutto il mondo. Nel 2008 realizza il cortometraggio Il citofono con Iaia Forte, in concorso al Festival di Torino. Nel 2009 con la storia per il cinema Cavalca la tigre! è stata finalista al premio Solinas. Nel 2010 il cortometraggio Lacrime nere, ambientato negli anni cinquanta, con Alessandro Haber, Giorgio Colangeli e Marina Rocco, ha ottenuto il sostegno del Ministero dei Beni culturali e la Menzione speciale al Riff Film Festival di Roma.

Il programma di PESTIFERA si concluderà a fine settembre nel Teatro del Museo con l’artista e regista iraniano-canadese Mostafa Keshvari che presenterà in anteprima il film Corona (2020), attualmente in fase di realizzazione.

Corona (2020-in corso di realizzazione) regia di Mostafa Keshvari (65’)
Con Emy Aneke, Zarina Sterling, Richard Lett

Il film del giovane artista e regista iraniano-canadese, indaga i temi della paura e del razzismo attraverso la storia di un gruppo di persone bloccate in un ascensore durante la pandemia Covid-19. Uno studio sulla società, le persone e le scelte morali narrate attraverso un gruppo di individui bloccati in uno spazio ristretto. Un ritratto claustrofobico degli effetti societari della pandemia globale.

E per chi resta a casa anziché venire all’arena, suggeriamo nella nostra sala virtuale – Cosmo digitale – il cult zombie movie:

The Last Man on Earth (L’ultimo uomo della terra, 1964) regia di Ubaldo Ragona e Sidney Salkow (86’)
Con Vincent Price, Franca Bettoja, Emma Danieli

Un morbo si diffonde trasformando le vittime in vampiri. Solo uno scienziato (Price) sopravvive. Cerca disperatamente un antidoto, ma i vampiri gli danno la caccia. Dal romanzo I Am Legend (1954) di Richard Matheson. I temi della pandemia e della solitudine in un film realizzato a tre anni dalla Baia dei porci e dalla paura dell’apocalisse nucleare.

A cura di Carolyn Christov-Bakargiev, Irene Dionisio e Fulvio Paganin
Coordinamento Roberta Aghemo e Giulia Colletti
Aperitivo dalle ore 19 alle 21 (€ 8)
Intervallo: dalle ore 21.15 alle 21.30 lettura da Noemi Klein, Coronavirus Capitalism di Irene Dionisio
Proiezione: ore 21.30, Buio (2019) di Emanuela Rossi
Ingresso omaggio al cinema con il biglietto del Museo
(€ 8,50 intero, € 6,50 ridotto)
Il Museo è aperto dalle ore 10 alle 21

Il numero massimo di posti disponibili è 55 e l’ingresso alla proiezione è consentito fino a esaurimento posti.
Si consiglia di acquistare online il biglietto qui
Per informazioni: tel. 011.9565246

La rassegna è realizzata in collaborazione con