Anton Corbijn

Dal 06 giugno 1997 al 28 settembre 1997

A cura di Ida Gianelli

Pubblicate in volumi o esposte in gallerie d’arte e presso i principali musei, le immagini fotografiche di Anton Corbijn (Strijen, Olanda,1955) ritraggono gli esponenti di quella cultura musicale e giovanile di cui l’artista è un appassionato fruitore. Autore di cover di album e di servizi fotografici, regista di videoclip, i lavori di Corbijn non si esauriscono nel ritrarre i personaggi dello star system: essi vengono interpretati dal fotografo che mostra di possedere un forte senso della composizione e della forma, oltre che una indiscutibile padronanza del mezzo tecnico. Nelle immagini, spesso monocrome, dedicate agli interpreti della musica rock della scena londinese, realizzate dal 1975 al 1988, l’attenzione è rivolta alle espressioni del viso, alla posizione e ai gesti del corpo, quasi sempre fuori dai canoni ufficiali del ritratto delle personalità. Corbijn interviene nel processo di stampa ottenendo immagini fortemente contrastate a vantaggio del risalto psicologico della persona, creando, con effetti quasi pittorici nei rapporti tra bianco e nero, particolari atmosfere negli ambienti, sia esterni sia interni. Un simile processo formale è maggiormente accentuato nelle opere recenti, dedicate ai divi del cinema e agli scrittori della beat generation, dove i contorni delle immagini sembrano deformati o ritoccati come per effetti di solarizzazione nel processo di stampa.

Karin Gavassa

Dal 06 giugno 1997 al 28 settembre 1997