Collezionismo di Francia. Le opere dei fondi regionali d’arte contemporanea

Dal 16 febbraio 1996 al 21 aprile 1996

A cura di Yannick Miloux, Frédéric Paul, Giorgio Verzotti

La funzione primaria di un museo d’arte contemporanea è quella di promuovere la conoscenza dell’arte presso il pubblico trasformandola in un patrimonio fruibile grazie alle mostre temporanee, ma anche grazie all’esistenza e al costante incremento di una collezione permanente. Quest’ultimo aspetto, tema di riflessione e di operatività, diviene per il Castello di Rivoli anche occasione di confronto con l’apertura delle sue sale a un’importante esperienza francese, quella dei F.R.A.C.

I F.R.A.C. (Fonds Regionaux d’Art Contemporain), istituiti nel 1982 allo scopo di fornire tutte le regioni francesi di collezioni permanenti d’arte contemporanea che documentino le maggiori correnti artistiche francesi e internazionali, hanno anche il compito di organizzare mostre temporanee, di commissionare opere da collocarsi in spazi diversi da quelli deputati all’arte, e quello di operare nell’ambito della divulgazione dell’arte con iniziative didattiche.

La scelta dei F.R.A.C. Rhone-Alpes e Limousin ha portato in mostra opere delle maggiori tendenze stilistiche internazionali attive dagli anni Sessanta e ha offerto un’occasione di studio e di confronto con un’esperienza, quella francese, divenuta un buon esempio di gestione pubblica di beni culturali legati alla contemporaneità.

Chiara Oliveri Bertola

Dal 16 febbraio 1996 al 21 aprile 1996