Ana Pvracki

(Pancevo, Serbia, 1976)

Interessata all’architettura, al design e alla società della comunicazione, Ana Prvacki realizza azioni, installazioni, video e opere concettuali attraverso linguaggi che richiamano l’estetica del consumo e la cultura dei servizi nella società. Nel 2003 fonda il progetto d’arte Ananatural Production, società di stile che è allo stesso tempo la sua “impresa”. Essa offre metodologie innovative, prodotti e servizi inediti, basati sulla generosità e l’arte partecipativa.
In Music Derived Pain Killer (ptyalism version with wondering band) (Analgesico derivato musicale – versione con ptialismo e gruppo musicale errante), 2009, video realizzato a seguito di una performance appositamente ideata per il Castello di Rivoli, Prvacki riflette sulle qualità benefiche attivate dalla pratica musicale e dalla produzione di saliva (fiato condensato) che i musicisti di strumenti a fiato e di ottoni accumulano suonando. Eseguendo il proprio esercizio musicale quotidiano, che include scale, esercizi tonali, trilli e sonate, l’artista e alcuni performer passeggiano per le sale del Castello, creando interferenze, riverberi, echi visivi e sonori con le opere della collezione del museo.

Opere